Covid-19 e test salivare. Quanto è efficace rispetto agli altri test?

 

Un indagine condotta dai ricercatori dell’istituto Spallanzani  ed in collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, lo University College di Londra e la società biomedicale DiaSorin, ha recentemente confermato che il test salivare può essere considerato una  valida alternativa al tampone naso-faringeo per la diagnosi di Covid-19.

 

Lo studio, realizzato nell’arco di diversi mesi sul numero più grande di pazienti e di campioni finora analizzato al mondo mirava a determinare il comportamento dei campioni di saliva in termini di sensibilità nell’identificazione del virus nel corso dell’infezione.

I risultati hanno quindi  dimostrato che la saliva è un campione altrettanto valido rispetto al tampone naso-faringeo e al lavaggio bronco-alveolare.

Ma quali sono i vantaggi che offre quest’innovazione?

La minore invasività è certamente uno tra i più significativi: raccogliere un campione salivare è più facile e meno fastidioso rispetto al tampone naso-faringeo e, a maggior ragione, rispetto al lavaggio bronco-alveolare. Nel corso delle ricerche sono stati analizzati 337 campioni salivari di 164 pazienti ricoverati che sono successivamente stati messi a confronto con altrettanti tamponi naso-faringei riscontrando così un elevatissimo grado di concordanza fra risultati.

Un altro vantaggio è rappresentato dal tempo di ottenimento dei risultati, infatti con questo nuovo test i tempi sono stati accorciati da 1/2 giorni a poche ore.

Questo studio ha fornito la base scientifica per l’applicazione ad un progetto della Regione Lazio, volto allo screening nelle scuole.  Dalla raccolta di un unico campione salivare, che viene dapprima analizzato con un test antigenico, in caso di positività, lo stesso campione salivare viene analizzato con il test rapido molecolare per la conferma della positività, con un percorso che si conclude nel giro di poche ore e rende possibile la tempestiva adozione di misure  di contenimento.

 

Fonte: www.nursetimes.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *