Animali e Covid-19, cosa dice l’OMS?

“Al momento non crediamo che gli animali domestici abbiano un ruolo nella trasmissione del coronavirus, ma pensiamo che possano essere infettati dai loro proprietari”. Lo sostiene Maria Van Kerkhove, responsabile dell’unità malattie emergenti e zoonosi dell’Oms. Ad oggi infatti non ci sono prove che gli animali da compagnia possano diffondere il virus, pertanto adottare misure drastiche e che possano addirittura comprometterne il benessere non è assolutamente necessario.
Tuttavia, ricordando che gli animali e l’uomo possono condividere malattie come ad esempio la scabbia o la rabbia, sono necessarie normali misure igieniche raccomandate da medici e veterinari per evitare la diffusione di qualsiasi malattia (incluso il Covid-19).
Il Ministero della Salute perciò raccomanda il rispetto delle più elementari norme igieniche quali lavarsi le mani prima e dopo aver toccato gli animali, il loro cibo, evitare di baciarli, farsi leccare o condividere il cibo. Al ritorno dalla passeggiata, pulire sempre le zampe evitando prodotti aggressivi e quelli a base alcolica che possono indurre fenomeni irritativi.
Secondo molti psicologi il contatto con gli animali contribuisce a migliorare la qualità della vita, a sviluppare un impatto positivo sull’umore riducendo: la solitudine, stati d’ansia e depressione.
Il ministero della salute ci ricorda inoltre che abbandonare un non è solo un gesto crudele e deprecabile ma è anche un reato sancito dal codice penale (art. 727 c.p.).

Fonte: http://www.salute.gov.it/

Aiutaci a diffondere la cultura del Primo Soccorso! Aiutaci a salvare Vite!
By Staff CSE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *