Errori di comunicazione? Conosci il metodo SBAR?

Uno degli errori più frequenti nei dipartimenti di emergenza-urgenza, sono proprio gli errori di comunicazione e i passaggi di consegna.

Io SBAR è un metodo di conunicazione che permette un passaggio di consegne conciso, veloce e allo stesso tempo completo ed ordinato, riducendo le incomprensioni, la trasmissione di informazioni incomplete e le perdite di tempo.

Pensate che inizialmente era stato adottato nei sottomarini nucleari USA per impartire rapidamente ed efficentemente istruzioni nella catena di comando.
Provata l’efficacia, questo metodo poi si è diffuso in altri ambiti militari fino al campo industriale.
In ambito sanitario, lo SBAR è stato applicato per la prima volta alla fine degli anni 90 negli ospedali americani.

L’OMS ha dato ampio risalto a questo metodo, inserendolo dal 2009 a pieno titolo tra i “Communication Tools” per standardizzare tutti i passaggi di informazioni in qualunque  fase del percorso terapeutico in qualsiasi contesto sanitario, e per garantire in tal modo la sicurezza dei pazienti.

L’acronimo SBAR:
S – Situation (situazione): identificazione del paziente e rapido inquadramento della situazione.
B – Background (contesto): rapida panoramica sull’anamnesi del paziente, le terapie, gli interventi e dati clinici più rilevanti.
A – Assessmant (Valutazione): parametri vitali, segni, sintomi, presidi usati e farmaci somministrati.
R – Recommendation (raccomandazione/richiesta): tutto ciò che deve essere fatto o che si richiede.

E’ intuitivo come questo metodo in ambito sanitario sia particolarmente utile in situazioni d’emergenza nel momento in cui gli operatori sanitari si comunicano in tempi ristretti gli eventi rilevanti e i dati per pianificare l’assistenza e il passaggio delle informazioni costituisce una fase molto delicata e soggetta ed errori od omissioni che possono portare ed eventuali avversi anche gravi.

Aiutaci a diffondere la cultura del Primo Soccorso! Aiutaci a salvare Vite!

Fonte: Libro Urgenze ed Emergenze (piccin)

Lorenzo
Staff CSE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *